• Strade d'Italia sceglie i luoghi della cultura.
  • Incontro culturale con Rita Borsellino
  • Una lezione di qualità ad "Alto volume".
  • Scegli una scuola… INCLUSIVA
  • Scegli una scuola… IN SINERGIA CON LE ISTITUZIONI
  • Scegli una scuola… EUROPEA
  • Scegli una scuola… EUROPEA
  • Scegli una scuola… IMPEGNATA NEL SOCIALE
  • Scegli una scuola… IMPEGNATA NEL SOCIALE
  • Presentazione del libro Airone 1 (Secondo libro del Generale in pensione Antonio Cornacchia)
prev next

Giornata della memoria

Le riflessioni dei ragazzi della classe 2 sezione B (A.F.M.)

La storia è memoria: ci insegna a comprendere cosa ci circonda attraverso esempi positivi e attraverso fatti che vorremmo non ricordare. Se non si conosce la storia si rischia di non possedere il proprio presente ed il proprio futuro.

Prof.ssa Angiola Pedone

Durante i giorni di preparazione per la nuova attività didattica, tutti noi ragazzi ci siamo impegnati facendo ricerche e approfondimenti riguardanti la Shoah che abbiamo racchiuso in una fantastica mostra fotografica. Questa esperienza mi ha coinvolto molto, non avrei mai immaginato che nel mondo ci fossero persone così malvagie e crudeli che uccidevano perché credevano che la loro razza, fosse superiore a tutte le altre.

Marco Grieco

Questo progetto è stato come un viaggio indietro nel tempo: abbiamo ricordato le sofferenze che ha portato la Seconda Guerra Mondiale, ci ha fatto capire quello che è davvero successo facendoci riflettere su tutte le ingiustizie che hanno dovuto subire gli ebrei.

Anna Defazio

La Shoah rappresenta il ricordo di quanto più duro e crudele la storia umana ci abbia tramandato. È, dunque, importante che noi tutti ricordiamo questo sterminio per evitare che la morte di tutte queste persone non rimanga scritta su un libro di storia senza senso… A causa di questo avvenimento storico non sono morti solo ebrei ma anche omosessuali, disabili e italiani, tutto questo solo perché erano “diversi”. È il più grande sterminio avvenuto grazie all’ uomo perché è l’ uomo che punta il dito contro chi è diverso, che spara al primo che non capisce la nostra lingua, è sempre l’ uomo! È proprio per questo che ho deciso di commentare questo avvenimento e di parlare della Shoah perché anche le generazioni future, se mai lo leggeranno, sappiano e riflettano.

Giuseppe Barrasso

Secondo me la persecuzione degli ebrei, ricordata nella Giornata della memoria, è stata una delle cose più brutte accadute nel corso della storia ; gli ebrei hanno trascorso un pezzo della loro vita subendo cattiverie di ogni genere e violenze da parte del popolo tedesco.

Domenico Didonna

La Shoah ricorda uno degli episodi più brutali avvenuti nel corso della storia. Tutto questo è successo poiché una razza riteneva inferiore un’altra. Non accettavano neanche gli omosessuali e le persone disabili. Questo ci fa capire che il limite tra l’uomo e un animale è molto labile. Lo è tutt’ora!

Krzysztof Bielinski

“Giornata della memoria”, di cosa? Come se quest’esperienza possa rendere il mondo un posto migliore; come se la gente pensi che davvero non possa più accadere una cosa del genere; come se davvero tutto questo servisse a “non dimenticare”!

Losurdo Michele

Affrontare il tema della Shoah è stato molto educativo: abbiamo condiviso tutti insieme questa esperienza. Tutto ciò mi ha fatto pensare alle molte persone che in quel periodo sono morte o a quei tedeschi che non hanno risparmiato bambini e che hanno distrutto intere famiglie. Spero che questo non succeda più, e che si possa vivere sempre nella pace.

Marino Sgarro

Sono rimasta colpita particolarmente dall’avvenimento della Shoah soprattutto grazie alle testimonianze della gente che l’ha vissuta. Dopo il lavoro svolto in classe adesso sono più informata su questo evento storico.

Reibaldi Raffaella

Non riesco proprio a capire come alcune persone abbiano potuto creare tante distruzione e tanto male.

Pepe Simona

La tragedia ricordata nella Giornata della memoria è stata una catastrofe terribile, non oso immaginare il dolore degli ebrei sia fisico che morale. Non capisco come quelle persone abbiano potuto fare una cosa del genere.

Valentina Di Benedittis

Negli ultimi anni numerosi libri e film hanno raccontato storie di bambini e ragazzi vittime delle persecuzioni razziali operate da fascisti e nazisti. Certamente la ferita aperta dall’olocausto non è ancora rimarginata. A mio parere questa è una storia che potrebbe tristemente ripetersi, magari non con protagonisti ebrei, ma con immigrati, stranieri e profughi e tutto questo provoca in me rabbia, sdegno e ritengo che sia importante non dimenticare perché non succeda più.

Antonio Candela

Questa esperienza di riflessione avvenuta attraverso la ricerca e la lettura di documenti e foto sull’olocausto mi ha molto impressionato vedendo con i miei occhi i bambini che venivano ammazzati perché erano il futuro. Per non far dimenticare questo evento a tutti noi, il 27 Gennaio è la Giornata della memoria e si ricordano le vittime dell’ olocausto.

Savino Virgilio

La Shoah è un argomento che mi fa venire i brividi ogni volta che ne sento parlare perché non riesco a capire come un uomo abbia potuto realizzare tutto ciò anche con il consenso di molti altri connazionali senza scrupoli.

Morra Deborah

Questa esperienza mi ha aiutato a capire meglio quello che gli Ebrei, e non solo, hanno dovuto subire ingiustamente. La Giornata della memoria serve a ricordare tutte le vittime che ci sono state, sperando che non capiti più una cosa del genere anche se tutt’oggi ci sono ancora molte discriminazioni.

Elena Patruno

Il progetto sulla Shoah mi ha fatto riflettere tanto: ho pensato alla grande sofferenza di tutte quelle povere vittime. Spero sia ricordata per sempre e che non ci siano più avvenimenti di questo genere.

Carbone Sonia

Tutto il lavoro svolto ricercando e commentando varie fonti è stato bello e mi ha fatto riflettere sul vero significato della Shoah attraverso le testimonianze di persone che sono state in grado di descrivere tutto questo orrore anche in quelle condizioni, in modo da non farlo più accadere.

Lucia Upupa

             


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy